Alberto Stanghellin
i

Con Mario mi sono trovato benissimo, da un punto di vista professionale certamente: è una persona che prende molto seriamente quello che fa, mi ha seguito con attenzione e di lezione in lezione si adattava alle mie esigenze pur non dimenticando il nostro scopo finale.
Mi ha riempito di consigli, spingendomi sempre a dare il meglio di me.
Dal punto di vista umano, credo di non aggiungere nulla di nuovo dicendo che è una persona eccezionale!

Ugo Maceratini


Sono arrivato a Spirito Guerriero in circostanze casuali tre anni fa. Sono subito rimasto colpito dalla professionalità e dalla disponibilità dello staff che è riuscito a costruirmi addosso un percorso efficace e compatibile con le mie complicate esigenze lavorative. Il motivo principale per cui la consiglierei è che Spirito Guerriero non è “una palestra” ma una Scuola. Indipendentemente dalla disciplina scelta, pur seguendo un percorso individuale, si entra un una squadra, un gruppo, una classe con cui condividere progressi e difficoltà. In cui si cresce individualmente e insieme

Riccardo Ferrante


Spirito Guerriero* non è solo una palestra di arti marziali ma una vera e propria *famiglia* dove qualsiasi ragazzo pratica il suo sport ed entra in contatto cn una realtà che piano piano si sta perdendo e cioè l’amicizia l’educazione il rispetto verso se stessi e gli altri lo stare insieme, nasce una coesione tra istruttore e allievo che descrivere a parole sarebbe riduttivo. In più i stessi genitori trovano modo di dialogare insieme ad altri genitori mentre aspettano i propri figli, cosa che ad oggi sta diventando rara. Di Spirito Guerriero mi piace il contesto generale quindi va solo vissuta, i punti di forza sono i suoi Fondatori Maura & Francesco con Ercole ed Arianna e tutti i collaboratori delle altre discipline e ad oggi la new entry Silvia la bionda segretaria sempre disponibile sorridente gentile e molto simpatica.

Angela Mascioni


NBL e Spirito Guerriero sono le palestra che frequento insieme alle mie figlie dove ognuna di noi ha trovato corsi e insegnanti in grado di soddisfare le nostre diverse esigenze. Un ambiente sereno, accogliente con persone disponibili e educate.

Gabriele Maesano


Durante le lezioni private mi sono trovato davvero bene, la palestra dispone di un personale molto competente; gli istruttori sono esperti del mestiere, riuscendo a far crescere qualsiasi atleta da ogni punto di vista (muscolare, atletico, marziale ecc.).
Gli istruttori che mi hanno seguito durante tutto questo periodo mi hanno sottoposto ad un regime di allenamento che consisteva in attività cardiovascolare, potenziamento fisico e allenamenti funzionali agli sport di combattimento (boxe, Kick boxing).
Durante questo periodo di allenamento ho notato straordinari cambiamenti a livello di forza, esplosività, velocità, resistenza, riflessi e coordinazione.
Ho potuto inoltre approfondire molte delle tecniche che mi vengono regolarmente insegnate durante le lezioni pubbliche di prepugilistica e kickboxing, migliorandone quindi la forma e l’esecuzione.
Consiglio quindi le lezioni private a chi è interessato a eccellere nella propria disciplina.
Nel mio caso sono anche utili al mio scopo, poichè vorrei combattere (non so ancora se in Boxe o Kick) a livello amatoriale e migliorare ancora di più la mia forma atletica per andare oltre i miei limiti.
Sono ancora molto giovane (18 anni) e ripongo molte speranze in questi allenamenti, che mi motivano giorno dopo giorno a dare il meglio di me, non solo a livello sportivo, ma anche in contesti scolastici e lavorativi.

Marco Martens – ingegnere


ODOIATRA TRA I BAMBINI. Ringrazio ancora il Presidente e gli amici della scuola di Arti Marziali “Spirito guerriero” della Giustiniana per l’ospitalità. Vestito da odoiatra, il medico ingegnere, ho parlato di fronte a 40 bambini karateka, con le cinture di diversi colori. E’ stato un confronto bidirezionale. Non solo facevano domande ma anche interpretavano e spiegavano i loro punti di vista. Quando ho detto che la mia ispirazione è stato un film di Robin Williams tutti mi hanno detto che lo conoscevano bene. Quando ho detto che vorrei portare il giuramento di Ippocrate anche nell’ingegneria e nelle altre scienze due bambine di quinta elementare ci hanno spiegato chi era Ippocrate, medico della antica Grecia e il senso etico di quell’impegno. Quando ho parlato di consumo di suolo zero, energia eolica, fotovoltaico, orti urbani, auto elettriche, rispetto degli animali, tutti mi seguivano con attenzione. Poi ho concluso dicendo: “Ricordatevi sempre da grandi di essere persone degne e che i soldi dello stato sono sacri”. Come ringraziamento si sono tutti alzati in piedi, si sono allineati e coordinati dal loro maestro, mi hanno mostrato una sequenza di mosse e lottato, due a due, per alcuni minuti. Che bravi! Alla fine mi hanno salutato con un inchino.